Colatura di alici di Cetara

La colatura di alici di Cetara: un prodotto d’eccellenza della tradizione campana

La Colatura di Alici di Cetara è una delle specialità dell’arte culinaria cetarese, il prodotto di un’antica tradizione che viene tramandata da tempo nella Costiera Amalfitana. La colatura di alici è un liquido ambrato dal sapore intenso e deciso, frutto della sapiente stagionatura e pressatura delle alici salate. Il sapore unico e il paziente processo produttivo ne hanno fatto un simbolo della tradizione locale, una tradizione tramandata da padre a figlio da generazioni.

VUOI PROVARE QUESTO PRODOTTO?

Vai al nostro shop online e acquista la nostra colatura di Alici di Cetara.

Di più sulla colatura di Alici di Cetara

Zona di provenienza della colatura di alici di Cetara

Zona di provenienza

Cetara è un affascinante borgo marinaro della costiera amalfitana che sorge ai piedi del monte Falerio, si distende in una profonda vallata fiancheggiata da vigneti ed agrumeti e si apre quasi a ventaglio sulla stretta fascia pianeggiante a livello del mare. Da sempre Cetara è un paese di pescatori, non a caso il suo nome deriva dal latino Cetaria (tonnara) o da Cetari (venditori di pesci grossi).

Preparazione e lavorazione Colatura alici di Cetara

Preparazione e lavorazione

Le alici fresche appena pescate vengono “scapezzate” (decapitate) ed eviscerate manualmente. Vengono poi sistemate con la classica tecnica testa-coda a strati alterni di sale ed alici in un apposito contenitore in legno di rovere chiamato terzigno. Completati gli strati, viene appoggiato direttamente sull’ultimo un coperchio di legno detto tompagno, sul quale viene posata una pietra marina abbastanza pesante. Per effetto della pressatura e della maturazione delle alici, man mano comincia ad affiorare in superficie un liquido che viene raccolto progressivamente, viene conservato e sottoposto a un procedimento naturale di conservazione. Al termine del processo di maturazione delle alici, il liquido, progressivamente raccolto e conservato, viene versato nuovamente nel terzigno dove le acciughe erano rimaste in maturazione. Attraversando lentamente i vari strati (da qui il termine colatura), ne raccoglie il meglio delle caratteristiche organolettiche, fino a essere recuperato, attraverso un apposito foro praticato nella botte con un attrezzo detto vriale e trasferito in altro recipiente.

Origine e storia della Colatura alici di Cetara

Origine e un pò di storia

Non molti prodotti possono vantare un’ascendenza nobile come la Colatura di alici: bisogna risalire ai banchetti imperiali narrati da Plinio, dove il Garum era protagonista indiscusso delle portate pantagrueliche di Apicio. Questo condimento, sicuramente di origine orientale, con tutta probabilità fu introdotto a Roma durante le guerre puniche quale condimento di pietanze a base di carne, pollo, agnello, verdura. Il garum, in tutte le sue forme, venne surclassato probabilmente intorno alla seconda metà del XIII secolo dalla realizzazione della colatura di alici, superiore al garum per qualità, profumo e semplicità di produzione, creata dai monaci cistercensi della canonica di San Pietro nei pressi di Amalfi. Questi monaci possedevano una modesta flotta, utilizzata prevalentemente per il trasporto del frumento che, nei mesi estivi, veniva utilizzata per la pesca del pesce azzurro. Le alici pescate venivano pulite e conservate nelle botti e, sulla copertura della botte, riponevano un pesante masso per far affiorare al liquido in eccesso. Il profumo e la limpidezza di questo liquido indussero i monaci a portarlo all’attenzione del fratello che si occupava di cucina, il quale immediatamente lo utilizzò per condire le verdure lesse, aggiungendovi spezie, aromi e l’olio.

Come utilizzare la colatura di alici di cetara

Modalità d’impiego

Il risultato finale è un distillato limpido dal forte colore ambrato (quasi bruno-mogano) e dal sapore deciso e corposo: un’eccezionale riserva di sapidità che conserva intatto l’aroma della materia prima. La colatura di alici è un condimento peculiare che può essere usato come ingrediente principale, ma anche al posto del sale per insaporire le verdure fresche o lessate ed alcuni piatti di pesce.    

Valori nutrizionali per 100g di prodotto *

Valore energetico103 Kcal 431 kj
Proteine21 g
Fibre alimentari0.30 mg
Zuccheri0.1 g
Grassi2.10 g
Colesterolo62 mg
* I valori sono da considerarsi indicativi, in quanto le caratteristiche nutrizionali del prodotto possono variare.

Quartiglia è vicino a chi cucina

  • Partner affidabile e professionale
  • Conoscitore dell’ingrediente di qualità
  • Specialista delle tipicità del territorio
  • Da oltre 30 anni nel settore del food service
  • Consegna in Italia e all’estero in 24/48 ore
  • Sistema logistico innovativo
Compila il form sottostante per richiedere maggiori informazioni, ti ricontatteremo il prima possibile!
 Ho letto e accetto l'Informativa sulla privacy in tutte le sue finalità.